Kengan Ashura: Manga Vol 1

INTRODUZIONE
Kengan Ashura è uno shonen (non si direbbe, non è un manga per il classico pubblico da shonen) del 2012, concluso con un totale di 27 volumi.
Ad opera della coppia Yabako Sandrovich (classe 84 si occupa della storia, appassionato da sempre di sport da combattimento) e Daromeon (disegnatore giapponese che mischia lo stile nipponico a quello americano, perfezionato durante i suoi 14 anni di vita negli USA)
La società giapponese e l’economia non è come abbiamo sempre creduto, tutto è regolato dalla violenza, nascosti dallo sguardo del mondo, i forti ottengono potere e i perdenti non hanno diritti.
COMINCIAMO
Un’uomo di mezza età, Kazuo Yamashita cammina da solo tra le luci della città.
Per caso, si affaccia all’entrata di un vicolo e ciò che vede cambierà per sempre la sua vita.
Da una parte abbiamo un colosso di un metro e novanta, un’armadio, uno di quei delinquenti che non vorresti mai trovarti davati.
Dall’altra, abbiamo un ragazzo un pò più giovane, anche lui bello grosso ma è nulla in confronto al gigante.
I due inziano un combattimento mortale, nessuna regola.
Il gigante sembra invincibile, i suoi pungi sono come macigni, è in grado di sfondare anche i muri ma l’avversario è decisamente più agile e con una tecnica molto più curata.
Grazie a questo, il giovane riesce a vincere.
In un’impeto di coraggio, Yamashita chiede al ragazzo il suo nome, si chiama Ohma Tokita.

(Alla fine trovate il link agli altri volumi)

Impietrito dalla paura ma al tempo stesso spronato dall’istinto di sopravvivenza, l’uomo inizia a correre, qualcosa si risveglia dentro di lui.
(E bravo Yamashita che passa la notte in compagnia)
Il giorno seguente, Kazuo viene convocato dal direttore della ditta in cui lavora, lui è un semplice impiegatuccio come tanti, non spicca per nessun’aspetto in particolare, fà semplicemente il suo lavoro ma allora perchè il mega capo vuole vedere proprio lui?

Il direttore di Yamashita è il signor Nogi, capo dell’omonimo gruppo, uno dei marchi più ricchi del Giappone.
Qui Kazuo scopre un mondo che non avrebbe mai creduto potesse esistere.
A governare i rapporti tra le grandi ditte del paese del sol levante, non c’è la burocrazia ma bensì la violenza.
Fin dall’antichità, i mercanti erano soliti pugnalarsi alle spalle per poter rubari gli incarichi ai concorrenti.
Per impedire che la cose continuasse, lo shogun dell’epoca s oli 5 anni, propose un sistema semplice ma efficace.
Combattere onestamente per decidere chi avrebbe avuto il potere.
Questo continua ancora oggi, ogni dittà con un tot di fatturato annuo, può entrare nella gildae far combattere un lottatore come rappresentante.
Chi vince riceve soldi e incarichi importanti, chi perde beh ovviamente l’opposto.
(Sempre se sopravvive)
Il lottatore del gruppo Nogi è proprio Ohma Tokita e il caso vuole che Yamashita sia stato scelto come assistente per soddisfare le richieste del giovane.

La vita del povero uomo stà per essere sconvolta.
Ohma è come una bestia selvaggia, vive in una casa abbandonata e si ciba di animali che uccide lui stesso.
Il primo incontro Kengan per l’esordio di Tokita è già deciso, sarà contro Lihito, il fighter di Yoshiro Yoshitake capo della società immobiliare Yoshitake.
Prima della battaglia Lihito e un’altro scagnozzo erano stati mandati ad intimorire l’avversario ma questi trucchi non funzionano con uno psicopatico fissati di combattimenti come Ohma.

Siamo al giorno del combattimenti, l’arena clandestina è piena di personalità famose e ricconi.
Lihito e Ohma scendono in campo e si parte.
Dopo qualche secondo di studio i 2 cominciano a suonarsele.
Scopriamo che la specialità di Lihito detto il superuomo, sono le sue eccezionali dita, il ragazzo ha una potenza straordinaria fin dalla tenera età, basta un piccolo tocca per lacerare la carne degli avversari.
Questo però ha un difetto e Ohma lo intuisce al volo.
Per far guadagnare forza al colpo, Lihito deve avere abbastanza spazio, perciò non può fare nulla se l’avversario si tiene a contatto con lui e tiene sempre le mani appiccate alle sue.
L’incontro inizia ad essere interessante.

Alla fine abbiamo un capitolo extra su uno degli incontri Kengan del passato, quando ancora regnava lo shogun.
Leggetelo, approfondisce alcuni aspetti interessanti.

CONSIDERAZIONI
Uno dei pochi shonen moderni che mi piace tanto, finalmente personaggi che non sono ragazzini in preda all’adolescenza.
La storia come si capisce è classica, torneone tra vari esperti di arti marziali, niente di più, niente di meno, se amate il genere sarà fantastico, una vera perla.
Adatto prevalentemente a chi ha superato i 20/25 e cerca una bella lettura d’azione ma che al tempo stesso sia ben fatta, ben ragionata, ben scritta e davvero ma davvero ben disegnata.
Merita, sul serio, uno dei pochi shonen recenti in grado di farmi divertire, fidatevi tra 15 anni Kengan Ashura, all’interno della nicchia di appassionati del genere, sarà ricordato come un piccolo grande cult.

P.S. la coppia di mangaka è azzeccatissima, 2 “underdog” del panorama giapponese che però se ne sbattono di tutto e ci mettono una passione fuori dal comune, i due non essendo proprio di primo pelo, possono vantare un’esperienza superiore ai loro colleghi alle prese con il primo manga e la cosa di vede.
Completamente un’altro livello rispetto a tante altre storie più popolari ma con veramente poco da dire, Sandrovich e Daromeon al contrario, hanno parecchio da dire e non si fanno certo pregare per farlo.
Si nota la passione degli scrittori per lo sport da combattimento e soprattutto l’amore per il mezzo mediatico del fumetto, grandi, una boccata d’aria fresca ma che al tempo stesso dimostra tutto il suo rispetto per il passato.

Volume successivo –>

Se il post ti è piaciuto
Followami

Commenta
Lascia Like
Passa dai social
Grazie per la lettura

(non so scrivere, faccio un sacco di errori e
non pubblico nessuna recensione, commento roba e basta)

7 commenti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...