Interstella 5555: ep12 Short Circuit

Qui trovate un approfondimento su Interstella 5555

Si vede la fine ormai, solo 3 canzoni rimaste, certo che ne abbiamo fatta di strada dalla prima parte con One More Time.
Mentre il castello di Darkwood collassa su se stesso, la band se la fugge.
Tra Esplosioni, lava e detriti, l’antico maniero, che ha visto così tanti talenti provenienti da ogni parte dello spazio, crolla.
Ora l’unica cosa rimasta da fare per i Crescendolls, è riprendersi la loro identità e i propri ricordi.

(Alla fine trovate il link agli altri episodi)

Il camioncino si direge verso l’edifico del produttore musicale, ormai è notte e le porte sono serrate, le uniche persone all’interno sono i custodi notturni e gli inservienti per le pulizie.
Proprio grazie a questi ultimi, Octave riesce ad infiltrasi rubando un’uniforme.
In TV abbiamo una partita di calcio tra Francia e Giappone che procede per 2-1 in favore dei primi.
(Per sottolineare ancora di più la collaborazione per la creazione del film, tra Francia e Giappone)

Octave riesce a recuperare le chiavi di accesso e usa l’ascensore per raggiungere gli armadietti contenenti i documenti per i dischi di memoria rubati.
Per sua sfortuna, le guardie oltre a guardare la partita sono anche in grado di fare il loro lavoro e il musicista viene beccato.
Preso dal panico, uno dei due sorveglianti folgora l’intruso con un Taser.
L’alieno non regge bene la scossa e finisce riversato a terra in preda alle convulsioni.
Il trauma rivela anche la sua vera natura, il colore della pelle torna al suo naturale stato e lascia intravedere la natura extraterrestre del musicista.

Mentre la polizia sopraggiunge e circonda l’edifico, vediamo una ripresa aerea che si stringe sulla figura inerme del nostro Octave.
Proprio sul finale, torniamo per un secondo nei pressi del castello di Darkwood.
Dalle macerie si intravede una luca rossa che man mano guadagna sempre maggior intensità fino ad emergere e rivelare una figura informe che prende il volo in direzione del gruppo.

<– Episodio precedente / Episodio successivo –>

Se il post ti è piaciuto
Followami

Commenta
Lascia Like
Passa dai social
Grazie per la lettura

(non so scrivere, faccio un sacco di errori,
non pubblico nessuna recensione, commento roba e basta)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...