Rurouni Kenshin: Manga cap 4 Kasshin-Ryu Reborn

Quarto capitolo delle avventure del nostro Kenshin Samurai Vagabondo.
Come avevamo visto del capitolo precedente, il dojo del Kasshin-Ryu ha un nuova studente.
(In realtà è anche l’unico)
La convivenza tra Kaoru e Yahiko non è semplice, la ragazza non sopporta l’atteggiamento strafottente e maleducato, mentre il ragazzo non sopporta di dover imparare da una maestra che non ritiene all’altezza del compito.
Purtroppo non ci sono alternative in quanto Kenshin non vuole assolutamente che lo stile Mitsurugi-Ryu venga tramandato alle generazioni future.

(Alla fine trovate il link per gli altri capitoli)

Neanche a farlo apposta, a Kaoru si presenta immediatamente l’occasione per dimostrare il proprio valore.
Hira e Sato, due ex allievi del dojo sono inseguiti da dei loschi figuri che sembrano volerli eliminare, con un singolo passo la ragazza mette furoi gioco gli assalitori.
Sarebbe troppo bello se tutto si fosse risolto così facilmente vero?
La realtà è ben diversa e Nobuhiro Watsuki ci riporta con i piedi per terra.
Dopo poco il dojo viene compeltamente circondato dai compagni degli assalitori.
L’unica speranza è barricarsi all’interno della struttura e pregare.
(Ci sarebbe Kenshin eh, con una spadata potrebbe stendere tutti ma così toglierebbe alla ragazza la possibilità di impressionare Yahiko e in più il ragazzo al momento è fuori casa a fare spesa)

la gang dell’Hishimanji Guren non scherza, oltre alle armi, a loro disposizione hanno anche un cannone.
Anche se di legno e equipaggiato con proiettili di argilla, i danni che il cannonee riesce a infliggere alla struttura del dojo sono immensi.
Non ci sono possibilità per i 4 ragazzi.
Dopo aver scoperto la verità su Hira e Sato, Kaoru decide di assumersi la completa responsabilità dei suoi ex studenti.
Anche se i due non frequentano più il dojo, l’onore della ragazza le impone si assumersi il carico dei suo insegnamenti.
Dal suo punto di vista, un maestro deve sempre riuscire a influenzare e toccare nel profondo i propri allievi o ha fallito nel suo compito.
Quindi è colpa sua se Hira e Sato non hanno rispettato il codice del samurai e hanno porvocato una rissa.

La verità è ben diversa e a rivelarlo a Kaoru è Kenshin.
(Anche questa volta ingresso epico in pieno stile shonen)
A volte, per quanto puoi essere un bravo maestro, ci sono studenti che non vogliono proprio imparare e quando questo succede non bisogna farsene troppo una colpa.
A volte è meglio concentrarsi su quegli studenti che hanno il reale desiderio di imparare qualcosa.

Dopo aver tagliato a metà una palla di cannone e aver sconfitto la gang di aggressori, il dojo viene completamente liberato dai parassiti.
Questo include anche Sato e Hira i quali vengono allontanati anche duramente da Kenshin.
I due non potranno più impugnare una spada e metter piede nel dojo del Kamiya Kasshin-Ryu.
Due studenti se ne vanno ma un nuovo si aggiunge, ora Yahiko è pronto ad accettare Kaoru come sua maestra.

CONSIDERAZIONI
Bello anche questo capitolo del manga, Kenshin è un carro armato, è praticamente un deus-ex machina umano, che in caso di necessità arriva e rompe il culo ad ogni nemico.
Non temete,entro breve arriveranno anche nemici in grado di tenergli testa.

<– Capitolo precedente / Capitolo successivo –>

Se il post ti è piaciuto
Followami

Commenta
Lascia Like
Passa dai social
Grazie per la lettura

(non so scrivere, faccio un sacco di errori e
non pubblico nessuna recensione, commento roba e basta)

3 commenti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...