TONIKAWA: Over The Moon For You : Anime s1 ep1

INTRODUZIONE
Oggi commento relativo ad uno dei nuovi adattamenti anime rilasciati come Crunchyroll Originals.
Si tratta di Tonikawa over the moon for you, (titolo originale “Tonikaku kawaii”) tratto dalla versione cartacea del 2018 di Kenjiro Hata, già noto per il manga del 2004 in 52 volumi “Hayate the Combat Butler“.
(In realtà prima di documentarmi per scrivere questo articolo, non avevo mai sentito nominare questa serie comica/harem ma a quanto pare c’è molta gente a cui piace)
Tornando a Tonikawa, ci troviamo davanti ad uno shonen molto romantico ma con qualche elemento fantascientifico e che riprende le antiche storie giapponesi.
(In particolare il “Taketori Monogatari” di cui vi parlerò meglio alla fine nel box delle considerazioni).
Il tutto gira attorno alla promessa di matrimonio tra due giovani, Nasa Yuzaki e Tsukasa Tsukuyomi.
Lo studio di animazione è il Seven Arcs mentre alla regia abbiamo Hiroshi IKEHATA.
COMINCIAMO
Prima inquadrature e il nostro protagonista stà già morendo.
(Occhio che a passare da sentimentale ad isekai è un secondo)
Sulla fronte del giovane è possibile notare una vistosa ferita che lascia fuoriuscire una gran de quantità di sangue.
Con solo l’immagine della luna riflessa nell’iride, il ragazzo sembra essersi rassegnato alla fine ma dal nulla, sopraggiunge una ragazza.

(Alla fine trovate il link agli altri episodi)

Aspetta, aspetta, calma, torniamo indietro nel tempo e scopriamo come siamo arrivati a questo punto.
A causa del suo particolare nome, Nasa, che in giapponese significa cielo stellato ma che ovviamente viene associato da tutti all’agenzia spazile, decide fin da piccolo di mettersi sotto con lo studio per diventare qualcuno di importante.
La cosa funziona e il giovane una volta arrivato a 15 anni decide di fare domanda per uno dei licei più esclusivi del paese.
(In Giappone le scuole medie durano 5 anni e le superiori solo 3, quindi ci si iscrive al liceo a 15 anni)
La cosa però lo ha reso fin troppo sicuro di se.
(Ha anche detto la classica frase che da ragazzini abbiamo detto tutti almeno una volta “la vita è la mia e non ho bisogno dei consigli dei genitori”)
In più aggiungeteci la vista di una ragazza super carina e il risultato non può essere altro che lo schianto con un camion.

Siamo tornati al punto iniziale, il ragazzo è vivo ma scopriamo che a salvarlo è stata proprio Tsukasa che mettendosi davanti a lui, ha assorbito la potenza dell’impatto.
Solo che lei è magicamente quasi incolume e mostra solo una ferita in testa ma niente che le impedisca di camminare e agire normalmente.
Proprio con la visione della ragazza immersa nella luna, abbiamo il primo accenno alla leggenda della principessa splendente.

Anche se mezzo morto, Nasa non può fermarsi ora, deve almeno sapere il nome della ragazza o potrebbe perderla per sempre.
(Tira più un pelo di principessa splendente che un carro di buoi, o non era così il detto?)
Fregandosene del dolore e delle ossa rotte, il ragazzo raggiunge la sua musa e le si dichiara.
La ragazza accetta di uscire con Nasa a costo che i due prima si sposino.
E lui stesso sembra più che entusiasta della cosa.
(frà hai voluto la bicicletta? adesso pedala)

Schermo nero, dopo diverso tempo il ragazzo si risveglia in ospedale da solo.
Il tempo passò, inizialmente Nasa riprese la sua classica vita tra studio e impegni vari ma qualcosa non era più come prima, il pensiero della ragazza della luna lo tormentava.
In perenne stato di insoddisfazione, il giovane decise di abbandonare gli studi per impegnarsi nella ricerca di Tsukasa.
(Addirittura? così in fissa di già?)
Arriviamo così ai 18 anni di Nasa, ormai il giovane lavora e vive da solo, anche se sono passati 3 anni, il pensiero di quella notte non lo ha ancora abbandonato.

Il caso vuole, che proprio la sera stessa la misteriosa ragazzi si palesi nuovamente a casa di Nasa, con lei sta volta ha portato il certificato di matrimonio.
Si perchè fanculo tutto e tutti, i due firmano le carte, le consegnano e da ora sono marito e moglie, con anche una pianta.
Non è finita qui, pensate che i due si tengono addirittura per mano, wow che colpaccio.

CONSIDERAZIONI
Sono combattuto, a me piacciono sempre le storie d’amore, nello specifico, questa sembra molto dolce e carina.
Dall’altro lato però, le esagerazioni con i personaggi che si imbarazzano anche per tenersi la mano e si giurano amore dopo uno sguardo, non mi hanno mai convinto troppo.
Però è ok, si vede che è palesemente pensata per un pubblico molto molto giovane che inizia ora ad affacciarsi al mondo delle relazioni amorose.

Oltre a questo, vi avevo parlato del Taketori Monogatari, chiamato anche “Il tagliatore di bambù”, “La storia della principessa splendente” o a volte “la leggenda di Kaguya Hime”.
Si tratta di un antichissimo racconto giapponese, che in realtà viene spessisimo citato in altre serie e usato come spunto per la creazione di moltissimi personaggi femminili.
Vi riassumo la storia ma proprio breve breve giusto per darvi una piccola infarinatura generale, magari se vi interessa, ve ne parlerò più avanti nel dettaglio in un post della AnketsuCultura.

Un giorno, un locale tagliatore e commerciante di bambù, si imbatte in una pianta diversa dal solito, questa brilla di luce mistica e al suo interno vi è una minuscola bambina.
Questo miracolo viene accolto dall’uomo e da sua moglie come un volere divino, i due decidono infatti di dare asilo e crescere la piccola come se fosse figlia loro.
Da quel momento tutto cambiò, oltre a portare grande ricchezza (ogni volta che il padre adottivo tagliava un ramoscello, vi trovava dentro una pepita d’oro) la piccola portò anche grande amore all’interno della famiglia.
Con il passare degli anni, la ragazza diventò una splendida donna e da ogni dove iniziarono a presentarsi pretendenti per la sua mano.
Tra di loro anche l’imperatore del Giappone.
La verità è che la ragazza appartiene alla stirpe degli essere celestiali che vivono sulla luna e a breve vi dovrà fare ritorno abbandonando i suoi genitori adottivi e ogni possibile amore.
Per ora, il finale ve lo lascio scoprire da soli.

Episodio successivo –>

Se il post ti è piaciuto
Followami

Commenta
Lascia Like
Passa dai social
Grazie per la lettura

(non so scrivere, faccio un sacco di errori e
non pubblico nessuna recensione, commento roba e basta)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...