AnketsuPills: Beet the Vandel Buster

INTRODUZIONE
Cosa sono le AnketsuPills? Si tratta di piccole schede informative dedicate al mondo nerd. (Anime, SerieTV, Manga, Videogiochi, Fumetti, Cinema, Cosplay ecc.)
Questo sia per rendere “fisso” nel tempo e consultabile da tutti il materiale che porto sui vari social (purtroppo i post vecchi scorrono verso il basso e finiscono per diventare quasi introvabili) sia per creare qualcosa di veloce ed immediato per tutti coloro che desiderano avere qualche informazione generale su una serie.
(Se invece volete una cosa più approfondita, per la maggior parte delle serie, a fine articolo trovate il collegamento con la versione estesa)
Spero che questo archivio vi sia utile e vi faccia scoprire tante nuove cose.
Godetevi la lettura.

Hola! Oggi vi parlo di Beet the Vandel Buster un fantasy da una coppia di autori importanti
COMINCIAMO

👺DETTAGLI
Il manga nasce da una collaborazione tra Riku Sanjo alla storia e Koji Inada ai disegni.
(Ha uno stile insolito per un giapponese)
La stessa coppia di mangaka che aveva lavorato a “Dragon Quest the adventure of Dai”
(Di cui recentemente è uscito un remake in versione anime)

👺PLOT
La trama è classica, in pieno stile shonen.

Il mondo è stretto nella morsa letale della guerra.
Da una parte i vandels, una sorta di demoni malvagi dotati di poteri e forza mostruosa.
Dall’altra invece abbiamo i Vandel Buster, un reparto di umani armati, che attraverso anni di addestramento, hanno sviluppato tecniche per lottare contro i mostri.

Il protagonista è Beet, un giovane troppo debole per unirsi agli Zenon Warriors ma che a causa dei capricci del destino, si ritroverà addosso il peso dell’umanità e sarà costretto a combattere.

👺DA SAPERE
Oltre al manga in 15 volumi, abbiamo anche 2 serie animate.
La prima composta da 52 episodi, mentre la seconda da 25.
Entrambe con regia di Tatsuya Nagamine.
(Regista dei recenti film di Dragon Ball Super )

La pubblicazione è stata un po’ sfigata a causa dei ripetuti problemi di salute del nostro Inada.
Pecatto perchè come battle shonen merita, avrebbe potuto sfondare.

👺CONSIDERAZIONI
La serie riprende lo stile classico del fantasy.
Si vede abbastanza l’influenza del precendete lavoro degli autori su Dragon Quest sia a livello visivo che di storia, ma anche a livello di atmosfera.
Avete presente?
Quel tipico stile misto tra fiaba e azione che chi ama i giochi conoscerà sicuramente.

👺VOI?
Conoscevate già questa serie?
Lasciatemi un commento per farmi sapere che ne pensate e se anche voi state seguendo il remake di Dai.

(Post originale)
(Scheda approfondita sull’argomento)

Se il post ti è piaciuto
Followami

Commenta
Lascia Like
Passa dai social
Grazie per la lettura

(non so scrivere, faccio un sacco di errori e
non pubblico nessuna recensione, commento roba e basta)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...