Kappa no Kaikata: Anime s1 ep1 [Commentary]

kaatan anime kapp
-kaatan il kappa-

INTRODUZIONE
Olà qui è il vostro Anketsu e benvenuti a questo nuovo commento, oggi vi parlerò di Kappa no Kaikata.
Questa serie nasce come mangaseinen ad opera di Yugo Ishikawa per poi essere trasposta in anime dallo studio Picture Magic con regia di Nagisa Miyazaki.

La storia è costituita da cortometraggi e racconta le buffe e divertente avventure di un ragazzo che decide di adottare un Kappa, ovvero uno dei più famosi spiriti delle leggende giapponesi.
La convivenza non sarà facile, queste creature mitologiche sono molto diverse dai comuni cani o gatti, ed hanno tutta una serie di esigenze decisamente particolari ed insolite, difficile dire se il nostro protagonista riuscirà a cavarsela o se finirà per impazzire in questo concentrato di demenzialità e stupidità.
Senza ulteriori indugi, mettetevi comodi e godetevi questa divertente serie, buona lettura!

(Alla fine trovate il link agli altri episodi)

anime kappa
-dov’è la faccia?-

COMINCIAMO!
Ci troviamo in Giappone, la morfologia del paese è sicuramente cambiata negli ultimi decenni e il progresso tecnologico ha costretto anche gli yokai a modificare le loro abitudini (gli yokai sono una serie di esseri, spesso associati ai demoni o agli spiriti europei, che fanno parte del folklore e delle leggende nipponiche, è possibile vederli in tantissimi anime e manga, tra cui ovviamente Yo-Kai Watch o nello storico Kitaro dei Cimitero di Shigeru Mizuki).

Il nostro protagonista senza faccia o nome, (quando dico senza faccia…. intendo letteralmente senza faccia. Il ragazzo non ha occhi, naso, bocca, sopracciglia, o altro, ammetto che come cosa è stata un po’ creepy all’inizio) si reca in un locale negozio di animali. Possiamo vederlo intento ad osservare con curiosità la vetrina picchiettando qua e la sul vetro per richiamare l’attenzione degli animali all’interno.
Forse neanche lui aveva ancore le idee chiare su quale bestiolina portare a casa ma il fato l’ha condotto verso la più improbabile delle scelte, UN KAPPA!
(I kappa sono degli yokai, tra i più famosi del folklore, che hanno aspetto umanoide ma mostrano una pelle verdognola ed un guscio sulla schiena stile tartaruga, spesso ma non sempre hanno anche una sorta di becco d’uccello al posto della bocca e una capigliatura che ricorda la chierica/tonsura dei preti. Questi “mostri” in realtà hanno diversi tratti in comune con altri esseri mitologici, sia in Cina che in Europa sono infatti presenti tantissime varianti degli spiriti dell’acqua, questo perché bene o male tutte le culture e i paesi del mondo sono connessi da credenze simili).

Una volta fatta la sua scelta, il giovane prende con se il piccoletto e se lo porta a casa. Nell’appartamento il mostriciattolo si mette subito comodo ed inizia ad ambientarsi con ciò che lo circonda.
In particolare la sua attenzione viene catturata da un pallone da calcio con il quale il piccolo inizia a giocare, nel mentre il padrone si mette comodo e legge il manuale con i consigli sul come accudire e far crescere il suo nuovo amico.
(I kappa delle leggende sono spesso associati con comportamenti negativi e malvagi. Vengono usati come storie per insegnare ai bambini la pericolosità delle pozze d’acqua, ma a volte hanno anche comportamenti amichevoli e benevoli, possono infatti aiutare i bambini che stanno per affogare, possono aiutare i contadini che soffrono per la siccità dei campi e hanno un’animo onorevole che li porta a ricompensare gli esseri umani giusti e i caritatevoli).

kappa cibo per cani
-non gli piace il cibo per cani-

Il kappa della nostra storia viene rinominato Kaatan (non quello del gioco da tavolo, quello è “Catan”) e da subito il suo giovane padrone si preoccupa di come gestire al meglio la sua alimentazione.
Secondo il manuale questi esseri mangiano praticamente ogni cosa gli si metta davanti, anche il cibo per cani può essere una soluzione veloce e pratica. Purtroppo però il nostro Kaatan è un kappa un po’ schizzinoso e non sembra gradire il cibo usato comunemente per gli animali da appartamento, perciò, l’unica cosa da fare è ricorrere ai cetrioli!
(Questo è un gioco di parole, infatti la parola kappa, oltre ad essere usata per descrivere i mostri, può essere usata per indicare il cetriolo che viene comunemente usato nel sushi, quindi la cosa diventa una sorta di “un kappa che mangia un cetriolo kappa”).

La cosa sembra funzionare alla perfezione ed appena visto il cetriolo, il piccolo Kaatan salta di gioia e si mette a mangiare di gusto.
Purtroppo qui accade il disastro… il giovane padrone offre al suo kappa una porzione di sushi al cetriolo, voi direte “eh beh che ci può essere di disastroso in questo, alla fine è cetriolo con riso ed alga, visto che a Kaatan piacciono così tanto i cetrioli gli piacerà sicuramente anche questo” ed infatti come ragionamento è sensato ed il piccolo mangia di gusto anche quello…. il problema arriva dopo.
Infatti durante il momento della digestione Kaatan inizia a sentire che qualcosa non va e dal nulla…. ma proprio dal nulla…. inizia a sparare una marea assurda di cacca color rosso/viola che il triceratopo malato su Jurassic Park 1 in confronto non è nulla!

Questo è dovuto al fatto che la composizione chimica dello stomaco dei kappa non riesce a digerire al meglio il wasabi presente nell’impasto del sushi e la cosa causa parecchio gas nello stomaco dell’esserino.
(Anche questa è una sorta di citazione alla mitologia dei kappa, era infatti credenza che i kappa avessero la scorreggetta facile, altre volte invece si credeva che le puzzette avessero l’effetto di allontanare questi yokai.
P.S. la comicità giapponese ci va a nozze con cose tipo scoregge, cacca, rutti e tutto lo stile della comicità fisica, a voi fa ridere come stile?).

anime kappa sushi
-pessimo errore bruh-

CONSIDERAZIONI
Siamo arrivati alla conclusione di questa prima puntata, che ve ne pare fino ad ora di questo anime? vi affascina il mondo degli yokai e degli spiriti delle leggende (sia giapponesi che non)? Fatemelo sapere con un commento!
Inoltre che ne pensate dei cortometraggi nel mondo degli anime? ultimamente stano prendendo molto piede
(io vi ho già parlato di parecchie serie come Comical Psychosomatic Medicine, BPSPlease take my brother awayDOGEZA) personalmente li trovo simpatici, li guardo soprattutto nei periodi in cui ho poco tempo libero durante la giornata e non possono mettermi a seguire serie lunghe da 100 e più episodi.


Episodio successivo >>

Se il post ti è piaciuto
Followami

Commenta
Lascia Like
Passa dai social
Grazie per la lettura

(non so scrivere, faccio un sacco di errori e
non pubblico nessuna recensione, commento roba e basta)

6 commenti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...